Pubblicato da: Giuseppe Piazzese | 05/07/2010

Il collante con la gente


Io sono stato letto nel maggio del 2007 e da allora ho di fatto dedicato quanto più tempo possibile al mio territorio e alla mia gente, togliendolo spesso alla mia persona e alla mia famiglia.
Tutto ciò chiaramente perchè innanzitutto mi è sempre piaciuto fare politica, ma ovviamente perchè sono stato eletto per dare un contributo al miglioramento della Seconda Circoscrizione.
Il Consigliere di Circoscrizione è il primo anello di congiunzione tra le Istituzioni e il cittadino ed è anche la voce della politica del partito che rappresenta nei territori locali, che spesso sono ben distanti dai salotti romani, che i nostri parlamentari frequentano.
Il Consigliere di Circoscrizione è colui che quotidianamente risolve i problemi della gente e al quale la gente si rivolge per chiedere di risolvere dalle banalità ai problemi rilevanti.
E’ colui che spende ore ed ore del suo tempo per dare risposte ai cittadini.
E’ colui che si muove da una punta all’altra della città, tra gli assessorati, per andare a perorare questa o quell’altra causa di rilievo per il suo territorio.
E’ colui che quotidianamente spende di tasca sua una cifra consistente per telefonare a questo o a quel dirigente per risolvere un problema.
Tutto ciò per dimostrare che, nonostante le Circoscrizioni, così come sono articolate, non rappresentano un vero decentramento, comunque ci sono Consiglieri che giornalmente lavorano per dare risposte al proprio territorio.
Ciò che ho raccontato fin qua è ciò che fa ogni singolo Consigliere di Circoscrizione, chi più chi meno, quotidianamente.
Chiaramente a fine mese percepisce i gettoni per le sue presenze in Consiglio e di fatto così come entrano, questi soldi escono tra spese di telefono, benzina e quant’altro possa essere utile allo svolgimento del proprio ruolo.
Perchè vi ho raccontato tutto ciò?
Perchè fra qualche giorno tutti i sacrifici fatti dai Consiglieri di Circoscrizione, in termini di tempo e di costi, potrebbero venir meno per colpa di quella politica salottiera, che non viene eletta ma nominata e che quindi non deve render conto ai propri territori.
Infatti all’interno della Manovra Finanziaria in questi giorni in approvazione in Parlamento vi è incluso un comma che recita così: Nessuna indennità è dovuta ai consiglieri circoscrizionali.
E’ evidente che se questo comma dovesse passare così com’è, renderebbe elitario, ovvero possibile solo a pochi ricconi, candidarsi al Consiglio di Circoscrizione, troncando quindi l’ultimo labile cordone che lega la politica alla gente.
E’ vero, è necessario fare sacrifici e stringere la cinghia, ma la domanda che mi pongo è: perchè iniziare dall’anello più debole e paradossalmente più vicino ai cittadini e non da Ministri, sottosegretari e Parlamentari?
Qualcuno mi potrà obiettare che all’interno della Manovra si parla di tagli a Ministri e Sottosegretari, ed è vero.
Ma solo a quelli non parlamentari.
Il risparmio?!?
€ 75.165,00 annui.
Mi sembrano un pò pochini e a voi?

Annunci

Responses

  1. Condivido in parte quello che sostieni in quanto la politica non puo essere delegata a soli ricchi, questo come al consiglio circoscrizionale ,ma anche alle più alte cariche istituzionali. Per 10 anni sono stato consigliere di quartiere era l’inizio di queste nuove istituzioini e credo che parte di noi svolgevano quel lavoro, che tu dici di fare giornalmente. Venivamo inseriti nelle liste di partiti persone che davvero credevano alla politica come passione e agli ideali e quindi anche senza contributo di gettone di presenza si era attivi, sia nelle riunioni che presenti nel territorio ,trascurando la famiglia , ma con un unico obbiettivo per noi era cambiare questa societa per un futuro migliore per i nostri figli.
    Ritengo che la mia attività al consiglio di quartiere attualmente viene ricordata da tante persone ,sia di sinistra che di destra o centro, per l’impegno sia per la difesa della costa ,con il bloccodei camions che scaricavano a mare, sia anche la lotta alla mafia ,trovandomi solo a votare una mozione per costituire il comitato antimafia nel quartiere, difronte al fatto che ogni giorno c’era un morto ammazzato. quindi voglio dire che in rischio c’era anche la nostra vita. In 10 anni , la mia assenza è stata di complessive 3 sedute, causa matrimonio e intervento chirurgico , mi sento di essere stato il più attivo anche nella presentazioni di mozioni interpellanze e interrogazioni ,che permettevano di fare discutere il consiglio di quartiere , problemi del quartiere. Gli ultimi anni èstato dato un gettone di lire 2000, le pagavo le tasse e le stesse le davo al partito.Se guardiamo le ultime elezioni circoscrizionali ,assistiamo che nel 90%dei candidati non interessava niente della passione politica e che quindi vedevamo candidati persone che della politica non ha mai interessato niente, unico obiettivo e lo stipendio di consigliere.
    Tutto questo a creato una situazione ,che in queste istituzione ci sono persone elette(almeno il 50%) che servono soltanto a riscaldare le sedie .

    • Comprendo perfettamente ciò che dici, credo di essere uno dei pochi che porta ancora avanti i propri ideali senza se e senza, non condividendo ciò che altri fanno, ovvero riscaldare la sedia per ottenerne il gettone presenza, nell’attesa che il grande capo di turno gli prospetti qualcosa da guadagnare.
      Certo è pure che il problema non sono i consiglieri che scaldano il loro scranno, ma la classe dirigente dei relativi partiti che permette loro di candidarsi.
      Mi spiego meglio le classi dirigenti hanno il dovere di selezionare i loro candidati e devono essere consapevoli che l’opportunità di essere messi in lista non si deve concedere a tutti coloro che possono dare un notevole contributo elettorale.
      Prima d’ogni cosa la classe politica dirigente deve privilegiare le idee, la concretezza, la voglia di fare e la capacità di vedere più in la de proprio naso.
      Purtroppo tutto questo spesso rimane solo utopia.
      Io nel mio piccolo sto tentando di far applicare questo principio!!!

  2. Io sono stato eletto nel novembre del 1997 per la prima volta alla II Circoscrizione.
    Poi sono diventato il Presidente, dopo un po’ di tempo dei consiglieri si dimisero, esattamente 9, il consiglio fu sciolto… Venne nominato un Commissario che porto la II seconda Circoscrizione a nuove elezioni. Da Presidente percepivo lire 700,000 e i consiglieri meno di lire 25.000 come gettone di presenza a lordo.
    C’è da dire che, oggi quando il Consiglio si riunisce (e questo anche per il Presidente) ai consiglieri spetta una giornata senza obbligo di presenza al proprio posto di lavoro, nel 1998 – 99- 2000- spettava il solo tempo della presenza in Consiglio certificata dal Segretari dello steso organo più la percorrenza per recarsi al posto di lavoro, oggi questo vincolo è rimasto solo per le riunioni delle commissioni… tra l’altro costituite obbligatoriamente per Regolamento ma ininfluenti per il resto, queste non possono essere propositive e neanche consultive.
    Voi carissimi lettori allora vi chiederete: Ma allora come mai “questo ex Presidente” è rimasto per circa 10 anni a fare il Consigliere? Presto detto, la mia incrollabile speranza è stata quella di vedere concretizzato quello che fu definito come il “decentramento reale” e quindi essere utili alla collettività attraverso interventi immediati di utilità pubblica che servissero a migliorare la qualità della vita dei cittadini! Ma di questo sogno nessun amministratore sia esso Assessore o Consigliere comunale ha mai avuto l’intenzione o l’interesse a far sì che questo potesse avvenire… Io ho creduto a questo sogno e ho sopportato finché l’illusione che questo si potesse concretizzare non è svanito… C’era un tempo in cui io pensavo che tutti coloro i quali fossero stati Consiglieri e Presidenti di circoscrizione avrebbero fatto una sorta di crociata per far sì che il decentramento diventasse una realtà! Invece…
    Dice il nostro dotto amico Consigliere Piazzese «…ci sono Consiglieri che giornalmente lavorano per dare risposte al proprio territorio». e prosegue parlando dell’utilizzo dei gettoni di presenza percepiti dai Consiglieri di Circoscrizione «…questi soldi escono tra spese di telefono, benzina e quant’altro possa essere utile allo svolgimento del proprio ruolo».
    Mi viene a questo punto un dubbio Amletico. Ma allora se i Consiglieri non percepiamo più i soldi dei gettoni di presenza è meglio realizzare quello che tante volte ha tentato di fare l’A.R.S, in diverse finanziarie regionali cioè, cancellare le Circoscrizioni … questo sarebbe meno frustante per quanti eletti non possono esercitare il mandato perché impedito dalla mancanza di strumenti reali quali le delibere quadro, mai votate dal Consiglio comunale. Questi strumenti darebbero le possibilità minime per poter fare il bene dei cittadini amministrati.

    Io spero soltanto che le Circoscrizioni diventino strumenti reali per l’aiuto al territorio altrimenti… meglio chiudere questa esperienza, tanto come die bene il nostro amico Giuseppe «…quella politica salottiera, che non viene eletta ma nominata e che quindi non deve render conto ai propri territori» e io aggiungerei : …e neanche “galoppini” blasonati con un biglietto da visita dell’amministrazione circoscrizionale.

    • Gaetano è verissimo ciò che dici, forse meglio l’eliminazione a questo punto…Certo la domanda che mi pongo è a chi dovranno rivolgere le loro lamentele i cittadini sempre più stressati da un’Amministrazione con sempre meno soldi da investire in servizi primari!!
      Mi dispiace tu abbia perso la speranza di un decentramento vero, io ce l’ho ancora e anche all’interno del mio partito è per questo che ho lottato e che lotto!!!
      Auspico che a Roma il buonsenso la faccia da padrona!!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: