Pubblicato da: Giuseppe Piazzese | 28/06/2010

Cittadinanza attiva


Sabato mattina ho partecipato ad una iniziativa dell’Officina delle Idee, organizzata in Seconda Circoscrizione, dal nome “Pulisci Palermo”.
Prima di raccontarvi questa esperienza mi sembra giusto dirvi che l’Officina delle Idee è un movimento di cittadinanza attiva, creato diversi anni fa per concretizzare le idee della gente comune, che non ha spesso voce in capitolo, ma ha tanta voglia di fare per il bene della collettività.
L’iniziativa non era una novità, anzi era la riedizione di iniziative già svolte in altre zone di Palermo.
Il motivo per il quale si è deciso di svolgerla in Seconda Circoscrizione è stato quello di porre l’attenzione sulle periferie spesso dimenticate.
Di seguito trovate le dichiarazioni del responsabile dell’Officina delle Idee: “La nostra non è un iniziativa di protesta ‐ commenta Danilo Dominici‐ lasciamo ad altri i giudizi sulle responsabilità dell’emergenza rifiuti a Palermo e non partecipiamo al concorso per i migliori slogan. La nostra ‐ continua ‐ è solo un’iniziativa di sensibilizzazione nei confronti di tutti i cittadini affinché, proprio in una situazione di emergenza, come quella che stiamo attraversando, tutti nel proprio piccolo, come diceva Padre Puglisi, possono far qualcosa.”

La mattinata è iniziata con il ritrovo di tutti i partecipanti a Piazza Torrelunga, in cui si sono radunati giovani e meno giovani di tutte le età, inclusi interi nuclei familiari.
Di lì si è partiti, scopa e paletta in mano, a dare una pulita alle zone limitrofe, trovando riscontro in cittadini e commercianti che hanno molto apprezzato l’iniziativa.
Devo dire che sono rimasto colpito da come il territorio abbia risposto all’appello lanciato dall’Officina nell’unire le forze per il bene della zona e sono rimasto molto compiaciuto dalla soddisfazione degli stessi partecipanti alla fine della mattinata.
Iniziative come questa sono da ripetere assolutamente per far crescere in ognuno di noi l’embrione dell’altruismo e dello spendersi per gli altri, che è sempre più difficile da trovare in ognuno di noi.

Di seguito trovate anche i link alle pagine di internet che parlano dell’iniziativa:

Pulisci Palermo su fascioemartello.it

Pulisci Palermo su hercole.it

Pulisci Palermo su gds.it

Annunci

Responses

  1. peccato ke quando ho proposto di collaborare c’è stato il silenzio….troppi personalismi non portano a nulla….Palermo è una città che ha bisogno dell’unione…non della spaccatura…
    cmq l’iniziativa è originale e lodevole….come già precedentemente scritto nella mia richiesta di relizzarla insieme.
    Silvia Lupo
    Muovi Palermo

    • Silvia, per quel che mi risulta, non hai proposto di collaborare, ma hai, senza dire niente a nessuno, creato un’evento parallelo, chiedendo poi di essere contattata dall’Associazione.
      Contatti che so esserci stati e a seguito dei quali, appianato tutto, era prevista una partecipazione del vostro Movimento, che però non c’è stata, nonostante le rassicurazioni della vostra presenza e della tua in particolare.
      Comunque nessuno vuole essere polemico, non mancheranno occasioni per poter collaborare, solo non si parli di personalismo!!!

  2. Eclatante l’idea di muoverci per noi stessi, per dare esempio anche agli altri di come un vero cittadino debba vivere la propria città. Grazie a te possiamo dimostrare quanto possiamo fare… e quante cose ci sono da fare.

  3. Giusto, bello… e mi è dispiaciuto non esserci. Però credo che questo tipo di iniziativa sia più costruttiva se si constringe nelle occasioni future (visto che ci sarà una prossima volta) il personale preposto, il Comune, il direttore o Pseudo-Direttore dell’AMIA a contribuire.
    Il CITTADINO da una mano al CITTADINO, perché Palermo ha appunto la necessità di meritare iniziative che uniscono e non che spacchino.
    Sono certo che l’azienda AMIA così come il loro direttore e alti funzionari non hanno provato vergogna nel vedere che i CITTADINI hanno dovuto fare ciò che a loro spetta di dovere profesionale fare, così ome non provano vergogna di percepire milioni di euro per avere mandato a puttane questa nostra città.
    20 milioni di euro al giorno costa ripulire dal pecolato bellolampo e l’azienda incaricata cosa fa? Ci ruba i soldi per poi smaltire a mare, zona Carini il percolato. E nessuno paga. A parte noi, i “SOLITI ONESTI”.
    Il SINDACO, vice SINDACO (che probabilmente hanno anche portato sfortuna alla nazionale di calcio in sud africa) e affini non hanno provato vergogna nel vedere altri CITTADINI distrarsi dalle loro funzioni quotidiane per sopperire alle loro false promesse.
    E allora la prossima volta facciamo in modo di costringere chi per dovere professionale, oltre che morale a tenere pulita questa nostra città. Di contro il resto della CITTADINANZA si dovrà fare in quattro per completare l’opera professonale degli opeatori ecologici contribuendo a mantenere pulita la nostra Città, così come vuole il mio slogan: Ognuno di Noi per Professione, Competenza e Dovere Morale.

  4. ……Sperare ogni oltre speranza, affinchè un sogno possa diventare realtà! Spero ripetere l’iniziativa. Proporrei di spostarci in corso dei mille all’altezza del numero civico 1080, questa parte del territorio è abbandonata e sarebbe opportuno dare un segno ai residenti per sensibilizzarli.
    “INSIEME SI PUO'”


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: